La Fayette

Anno/Year 2019
178 pagine/pages
20 illustrazioni/illustrations.
12x19 cm.
ISBN 978-88-3384-011-6
15.00



Condividi la scheda di questo libro







Giacomo Perini

La Fayette
Un cuore e una spada per due paesi

La guerra di indipendenza americana, la rivoluzione francese, Napoleone, sono queste le tappe in successione che hanno contribuito maggiormente alla formazione delle moderne società. La vita del generale La Fayette ha attraversato tutto questo periodo, e pochi come lui hanno saputo interpretarne i cambiamenti e le istanze. Fu volontario a fianco dei coloni degli Stati Uniti per tutta la durata del conflitto, diventando amico personale di George Washington e guadagnandosi sul campo i gradi di generale. Tornato in patria sposò in pieno gli ideali della rivoluzione francese cercando di mantenere posizioni moderate. Avversò Napoleone e dopo la “restaurazione” cercò di portare, senza successo, la monarchia su posizioni più democratiche. Se La Fayette, con i suoi ideali, spesso scomodi, fosse riuscito a incidere ancora più a fondo la storia del vecchio continente avrebbe avuto un corso molto diverso.

Nel piccolo cimitero parigino di Picpus c’è una tomba che risulterebbe piuttosto anonima se non fosse per la presenza della bandiera degli Stati Uniti che dal 1834 garrisce lì al vento. In quel sepolcreto, da oltre un secolo sono racchiuse le spoglie di Gilbert du Motier marchese di La Fayette. Generale, politico, massone e illuminista. Nella sua avventurosa esistenza combattè come volontario nella guerra di indipendenza americana; sposò poi i principi della rivoluzione francese, contrastò Napoleone e cercò costantemente di riformare la monarchia francese su basi più democratiche. Per la sua incrollabile fede nei principi liberali e moderati, fu sempre osteggiato dal potere costituito tanto che, anche dopo la restaurazione post napoleonica, fu isolato e costretto infine a ritirarsi a vita privata. Nel mondo attuale desacralizzato, dove tutto pare avere un prezzo e dove la politica sembra aver perso il suo vero significato, La Fayette potrebbe essere oggi l’ esempio perfetto per ricordare cosa significano gli ideali, l’impegno civile e soprattutto l’onestà. Tutte qualità scomode, che però rendono gli uomini sicuramente migliori e qualche volta anche immortali. Gli Stati Uniti, ancor prima della Francia, avevano capito l’ uomo e le idee e nessuno, come in quel paese, lo ha saputo più degnamente celebrare innalzandogli monumenti, intitolandogli strade e paesi interi.
 






Giacomo Perini nato a Sant’Agata del Mugello il 27 luglio 1949. Di professione geometra, ha collaborato come funzionario con il Comune di Firenze presso l’ufficio tecnico fino al pensionamento avvenuto nel luglio 2011. Fra gli interessi la storia è stata quella che ha coltivato con maggior vigore, in particolare quella relativa al periodo illuminista. Questo libro è frutto di questa passione. Risiede a Bagno a Ripoli alle porte del Chianti.