Il contributo culturale  dellebraismo italiano

Anno/Year 2018
88 pagine/pages
15x21 cm.
ISBN 978-88-99695-82-8
€12.00



Condividi la scheda di questo libro








Il contributo culturale dell’ebraismo italiano

A cura di Shulamit Furstenberg-Levi

Prefazione di
Riccardo Di Segni

Saggi di
Asher Salah, David Rosenthal, Alberto Somekh e Joseph Levi

In onore di Rav Joseph Levi

 


Nell’ebraismo fin dalle origini convivono una concezione particolaristica e una vocazione universalistica che interagiscono con modalità complesse nell’evoluzione dei tempi e delle società. Questo rapporto tra interno ed esterno ha avuto una declinazione particolare nella storia dell’ebraismo italiano, che si è caratterizzato tra l’altro per un tipo particolare di relazione virtuosa, nella quale senza rinunciare ai fondamenti dottrinali è stata possibile una osmosi con la cultura circostante.
In questo volume sono un segno della complessità e del fascino dei temi trattati. Benché riferiti al passato, neppure tanto recente, sono esempi illuminanti del particolare rapporto che gli ebrei italiani hanno avuto con la propria tradizione, con gli influssi della cultura circostante, e di come hanno sentito la necessità di comunicare i propri valori all’esterno. In realtà è sempre difficile parlare di ebraismo italiano come di un blocco monolitico e uniforme; come viene sottolineato nei saggi qui pubblicati, la penisola è stata sempre luogo di migrazione, attraversamento e di incontro, se non di scontro, tra differenti tradizioni ebraiche, ciascuna con le proprie caratteristiche e con il suo rapporto con l’antico e il nuovo, il dentro e il fuori. è la complessità che emerge dagli studi, non l’omologazione e la conformità.