La cura tra individualismo e personalismo

Anno/Year 2019
114 pagine/pages
15x21 cm.
ISBN 978-88-3384-047-5
14.00



Condividi la scheda di questo libro







Mario Oppes

La cura tra individualismo e personalismo
Consenso informato e disposizioni anticipate di trattamento dopo la Legge 219/2017

Introduzione di Giovanni Maria Flick

Mario Oppes, a conclusione della sua stimolante ed esauriente riflessione sulla legge 219 del 2017 (“norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento”), già nel titolo del suo lavoro – “La cura tra individualismo e personalismo” – pone in evidenza il confronto-scontro fra la dimensione personale e quella sociale dei problemi del fine vita.
Dinnanzi all’evoluzione scientifica, alle nuove possibilità e alternative di decisione e di soluzione nell’intervento terapeutico, alla lontananza tra l’astrattezza delle indicazioni generali della legge e la concretezza e diversità delle innumerevoli situazioni concrete, l’Autore osserva come l’apparente (e non sempre perseguita in modo soddisfacente ed esaustivo) chiarezza della legge si scontri con la variabilità di quelle situazioni. Tanto da domandarsi particolarmente in questo caso – come più ampiamente di fronte ai problemi e alle indicazioni della bioetica e della c.d. biomedicina – quanto il ruolo della legge sia necessario, possibile e soprattutto opportuno in questo campo.

 






Mario Oppes è un medico, direttore della struttura complessa di Medicina d’Accettazione e d’Urgenza dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Sassari. Dopo la specializzazione in Cardiologia si è perfezionato in Bioetica presso l’Università cattolica del Sacro Cuore e l’Ateneo pontificio Regina Apostolorum di Roma. Ha conseguito il master di II livello in consulenza in Bioetica clinica presso l’Università cattolica. È docente di bioetica nel corso di laurea magistrale in Scienze religiose dell’ISSR di Sassari/Tempio-Ampurias (Euromediterraneo) e nella scuola di specializzazione in Farmacia ospedaliera dell’Università di Sassari. È vicepresidente della Società Italiana di Bioetica e Comitati Etici. È membro del Gruppo Interdisciplinare di Bioetica Clinica e Consulenza Etica in Ambito Sanitario (SIMLA). Da circa 20 anni è componente di diversi comitati etici e attualmente fa parte dei comitati etici indipendenti dell’Azienda per la Tutela della Salute della Sardegna e dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Cagliari. È stato per 12 anni presidente dell’Ordine dei medici della provincia di Sassari.