Restauro su Restauro

Anno/Year 2014
224 pagine/pages
454 illustrazioni/illustrations.
24x28 cm.
ISBN 978-88-97080-72-5
25.00



Condividi la scheda di questo libro







Paolo Mazzoni

Restauro su Restauro

A cura di Paola Maresca

Questo volume testimonia la viva presenza tra noi, a pochi mesi dalla sua scomparsa, di Paolo Mazzoni (1936-2011), un operoso testimone della grande sfida quotidiana per la salvaguardia del nostro grande patrimonio architettonico.
Il volume ripropone la continuità dell'impegno e la vastità dell'opera di studio e di cantiere di questo architetto-restauratore, con l'estensione al restauro dei marmi e ai mosaici dell'antico Opificio delle Pietre Dure all'interno del quale è entrato appena sedicenne come apprendista dell'arte (oggi dimenticata) del saper fare manuale. Mentre opera attivamente all'Opificio Paolo si iscrive ad Architettura.
Vari sono i lavori che lo vedranno impegnato in Italia e all’estero; nel 1968, è in Romania per il restauro di un vasto mosaico romano scoperto a Costanza sul Mar Nero. Tornato in Italia partecipa al restauro dei mosaici e di elementi marmorei dell’antica cattedrale fiorentina di Santa Reparata, contemporaneamente nel maggio del 1977 si laurea in architettura con una tesi su un architetto quasi sconosciuto ma che ha a lungo operato nella Firenze dell’800, Giuseppe Martelli, mettendo l'accento sul suo decisivo contributo alla nascita di una nuova coscienza critica della tutela e della conservazione. La tesi è stata oggetto di una mostra organizzata dal Comune di Firenze.
Paolo dal 1978 al 1983 presso la Soprintendenza di Pisa dirigerà numerosi lavori di restauro: l’Arsenale Repubblicano, Palazzo Toscanelli, le Logge dei Banchi, l’Arsenale Mediceo, il Museo Nazionale di San Matteo, a Pisa.
Nel 1983 trasferito presso la Soprintendenza e Architettonici di Firenze, Pistoia e Prato, dove dal maggio 1988 all’agosto 1989 ricopre l’incarico di Soprintendente Reggente Numerosi sono i restauri nel territorio fiorentino: la cattedrale di Fiesole; la Tribuna del David all’Accademia; l’Abbazia di Vallombrosa; Palazzo Castellani, la Cappella Pazzi in S. Croce; il Museo Diocesano,1’Antiquarium di Fiesole; la Biblioteca Marucelliana, la Basilica di S.Croce; le fortificazioni cinquecentesche della Fortezza da Basso e il Palazzo Neroni per la sede della Soprintendenza Archivistica.
A seguito dell’attentato del 27 maggio 1993 cura diversi interventi al fabbricato degli Uffizi ed in particolare alla Sede dell’Accademia dei Georgofili con la messa in sicurezza della Torre dei Pulci ed il restauro degli annessi ambienti vasariani. L’ultimo impegno (2006-2009) sarà la sistemazione di Piazza Mino a Fiesole.
Questo libro è una panoramica sul mondo del restauro nell’arco di cinquanta anni vista attraverso gli occhi di un protagonista della tutela attiva.