Il popolo di Firenze e altre cronache

Anno/Year 2016
110 pagine/pages
illustrato/illustrated
14,8x21 cm.
ISBN 978-88-99695-09-5
14.00



Condividi la scheda di questo libro







Renzo Martinelli

Il popolo di Firenze e altre cronache

Questo libro è una raccolta degli scritti più significativi di Renzo Martinelli. Ricordi delle sue esperienze di giornalista, memorie autobiografi che che rievocano una vita non facile, contrassegnata dalla miseria degli inizi, incontri signifi cativi, talora bizzarri e divertenti, con personalità di spicco, e rifl essioni più precise sulle vicende contemporanee (si veda il resoconto delle reazioni suscitate, nella redazione della “Nazione”, del 25 luglio 1943). Questi testi, attraverso i quali si delineano con nettezza le caratteristiche sociali e culturali della città di Firenze tra le due guerre mondiali, restituiscono nello stesso tempo il particolare clima umano del giornalismo di una volta, fornendo al lettore, inevitabilmente coinvolto dal garbo e dall’efficacia di una scrittura accattivante, una testimonianza storica e letteraria di indubbio valore.






Renzo Martinelli (1888-1964) si affermò tra le due guerre come una delle grandi firme del giornalismo italiano: corrispondente per la “Nazione” di Firenze dalla prima guerra mondiale – i suoi servizi dal fronte sono stati raccolti di recente nel volume Dietro la linea del fuoco, Le Lettere, Firenze 2015 – fu poi inviato speciale dello stesso giornale, pubblicando importanti réportages dall’Africa, dal Medio Oriente e dall’America Latina, riuniti in seguito a formare libri di notevole successo. Ottenne inoltre un vivo successo come drammaturgo, e le sue commedie, rappresentate anche all’estero, furono recitate dai maggiori attori del periodo, come Angelo Musco e Petrolini. Scrisse inoltre versi, novelle, libri per l’infanzia e un suggestivo romanzo – Una notte di pioggia – ispirato alle sue esperienze di cronista di “nera”. Nel volume I giorni della Chiassa, uscito nel 1945 alla vigilia della Liberazione, e ristampato più recentemente dalle edizioni Polistampa, Firenze 2001, raccontò le sue vicende di sfollato in provincia di Arezzo nel periodo 1943-44: questo testo costituisce uno dei più importanti e significativi resoconti sul periodo.