Larchitettura del Battistero fiorentino  di San Giovanni

Anno/Year 2017
234 pagine/pages
190 illustrazioni/illustrations.
14,8x21 cm.
ISBN 978-88-99695-30-9
€19.80



Condividi la scheda di questo libro







Piero Degl'Innocenti

L’architettura del Battistero fiorentino di San Giovanni
Progetto, appalto, costruzione, vicende

Presentazione di Franco Lucchesi
Nota introduttiva di Carlo Cresti
 

Dopo essere stato oggetto di una serie interminabile di studi, il Battistero fiorentino di San Giovanni viene esaminato in questo saggio partendo da un’angolazione inconsueta, che è quella da cui ha inizio ogni opera di architettura: il progetto. Seguendo alcune tracce che ci vengono dalle antiche cronache fiorentine, la ricerca si è sviluppata esplorando le vicende legate all’appalto dei lavori, all’edificazione e poi alle trasformazioni avute dall’edificio, con un continuo riferimento al contesto storico. Le indicazioni così ricavate convergono nel confermare che l’attuale San Giovanni non è nato come battistero: esso è un monumento romano del V secolo, costruito in circostanze straordinarie, e che, come è avvenuto in molti altri casi, solo in un secondo momento è stato adattato per il culto cristiano, prima per essere cattedrale e poi battistero. Ha perciò fondamento la leggenda del cosiddetto ‘Tempio di Marte’: anche se essa va interpretata, il senso degli antichi racconti fiorentini è conforme alla verità dei fatti e trova pieno riscontro nella realtà costruita, e perfino nei reperti archeologici, che fino ad oggi sembravano invece costituire la principale prova di una presunta origine medievale, secondo una tesi molto diffusa ma segnata da contraddizioni irrisolvibili.






Piero Degl’Innocenti (Firenze, 1942), architetto, ha insegnato nella Facoltà di Architettura e nella Scuola di Specializzazione in Beni Architettonici e Ambientali dell’Università di Firenze. Sul Battistero ha pubblicato: Le origini del Bel San Giovanni - da Tempio di Marte a Battistero di Firenze (1994, 2015), Ascendenze orientali del Battistero fiorentino (1995), Simbolismi cosmici e augurali nel Battistero fiorentino (2000) e La meridiana solstiziale del Battistero di San Giovanni (2007).