Sotto gli auspici di Minerva

Anno/Year 2022
236 pagine/pages
15x21 cm.
ISBN 9788833841267
20.00





Condividi la scheda di questo libro



Riccardo Cecioni

Sotto gli auspici di Minerva
Scritti di Libera Muratoria

Ecco qui svelati tutti i misteri sulla Libera Muratoria: misteri che non esistono altro che nell’immaginario comune alimentato solo da una crassa e generale ignoranza sull’argomento: ignoranza che è alimentata dalla medesima ignoranza in un giro vizioso, come il cane che si rincorre la coda.
Certo la stampa non ha contribuito a chiarire il fatto e si è compiaciuta di tirare solo l’acqua al proprio mulino (politico). Noi cerchiamo di alleggerire la cattiva fama che ci è stata attribuita, ma ogni nuovo ciclo di elezioni politiche o amministrative ci riversa addosso una valanga di inchiostro che però non ha certamente quell’antico profumo di stampa!
Comunque spero che queste pagine vengano scorse anche da chi non fa parte della Libera Muratoria in modo che almeno qualcuno si renda conto sul fatto che non andiamo a braccetto con mafia o ’ndrangheta ma che seguiamo le leggi della Repubblica Italiana.






Donatella Dreoni e Riccardo Cecioni, nati e vissuti in Firenze, si sono incontrati nel ’59 per un caso fortunato e da allora non li ha separati nessuno se non un cancro ai polmoni e al cervello che, geloso della loro intimità, si è voluto portar via Donatella.
Entrambi hanno frequentato non contemporaneamente il liceo-ginnasio Dante dove hanno seguito il corso di studi classici che li ha formati e introdotti nel meraviglioso mondo del pensiero. Successivamente Donatella ha seguito corsi di studio all’Istituto Statale d’Arte di Porta Romana e alla Scuola Ortofrenica di Pistoia conseguendone i diplomi, potendo così intraprendere la carriera di professoressa in materie artistiche specializzata come insegnante di sostegno per ragazzi cerebrolesi e gravemente menomati. Riccardo ha superato l’esame di Stato e ha aperto uno Studio di Consulenza del Lavoro.
Hobbies di entrambi: osservazioni notturne con telescopio fintanto che la luminosità della città l’ha consentito, storia delle religioni, disegno e pittura a olio, musica sinfonica e leggera, nuoto subacqueo, viaggi.
Sono entrati a far parte della Libera Muratoria: Riccardo nel ’64 e Donatella nel ’69, raggiungendo l’uno il massimo e ultimo Grado e l’altra il penultimo. Si sono dedicati con passione e zelo ai cosiddetti Studi Tradizionali sia in piena autonomia che in collaborazione.