La Fratellanza Artigiana  Giuseppe Garibaldi

Anno/Year 2020
288 pagine/pages
59 illustrazioni/illustrations.
15x21 cm.
ISBN 978-88-3384-062-8
€22.00




Condividi la scheda di questo libro







Altre pubblicazioni di Massimo Bianchi
Architettura, linee e controlinee

Massimo Bianchi

La Fratellanza Artigiana “Giuseppe Garibaldi”
La Storia non inizia da domani - tempio della democrazia livornese

Questo nuovo e pregevole volume del Gran Maestro Onorario Massimo Bianchi è dedicato alle origini e alla storia di un’associazione benemerita com’è stata sin dalla sua nascita la Fratellanza Artigiana “Giuseppe Garibaldi”, un sodalizio che a Livorno – ma anche a Firenze e in tante altre città italiane – ha svolto ed ha avuto un ruolo importante nella crescita e nello sviluppo democratico e laico del capoluogo labronico.
Il libro con la sua meritoria e profonda valenza rievocativa offre pertanto lo spunto per riflettere sulla Società italiana di quel determinato periodo storico, sullo straordinario senso del Bene Comune di tanti uomini e sul meraviglioso concetto di Fratellanza che è stato mutuato in tanti altri organismi rappresentativi, ma che ha la sua origine e il suo fondamento nella Massoneria Universale di cui costituisce uno degli inalienabili e sublimi principi del trinomio posto all’Oriente dei Templi e nel cuore di ogni singolo fratello.

Non è un libro di Storia. è scritto da una persona di parte, convinta che la coerenza sia una grande virtù. Questa ricerca vuol essere propedeutica a studi più scientifici. Ripercorre le vicende del più vecchio Sodalizio laico della città di Livorno, consultando quanto è rimasto dell’archivio, residuato dalla requisizione del 1926, le carte custodite nella Biblioteca Labronica, alcuni fondi privati e i quotidiani livornesi.
L’unica aspirazione che muove quanto pubblicato è conservare e ordinare le memorie, raccolte in parte nell’oltre mezzo secolo di appartenenza al G.O.I. e in comunione con molti dei fratelli che vengono ricordati in queste pagine. Il mio augurio e che questo libro possa trasmettere ai giovani che sono stati iniziati in questi anni difficili, l’orgoglio di appartenere ad una Istituzione che ha segnata, nelle luci e nelle ombre, tanta parte della nostra storia collettiva.

 






Massimo Bianchi (Montecatini Terme, 20.7.1944). Iniziato il 27.6.1967 nella R.L. Scienza e Lavoro n. 124 all’Oriente di Livorno, è tra i fondatori della R.L. Adriano Lemmi n. 704.
Ha ricoperto le dignità di Maestro Venerabile, Presidente dell’Oriente, Gran Maestro Aggiunto dal 1999 al 2014. Ordine di Giordano Bruno nelle tre classi.
Appartiene al Rito Scozzese Antico e Accettato dal 1969, dal 1993 riveste il 33° grado, insignito della Gran Croce della Corte d’Onore.
Gran Maestro Onorario del Grande Oriente d’Italia e della Gran Loggia di Albania.
Segretario della Federazione socialista livornese nel 1972, Consigliere Comunale e Vice Sindaco. Consigliere Provinciale e Assessore.
Consigliere della Società Volontaria di Soccorso.
Autore di alcune pubblicazioni sulla Storia della Massoneria Livornese e del P.S.I.
Commendatore della Repubblica.