Uno sguardo al mondo ebraico  dellOttocento

Anno/Year 2020
176 pagine/pages
13 illustrazioni/illustrations.
15x21 cm.
ISBN 9788833840895
€18.00

Utilizzando il codice sconto 2021 potrai usufruire di uno sconto del 5% su tutte le pubblicazioni. Per ordini superiori a € 20,00 spedizione gratuita.





Condividi la scheda di questo libro



Lionella Viterbo Neppi Modona
Caterina Del Vivo

Uno sguardo al mondo ebraico dell’Ottocento
Come educare i figli negli anni dell’emancipazione

Le lettere della madre a Costante Carpi, bisnonno di Lionella Neppi Modona, e il carteggio relativo al giovane Alberto Cantoni, curato da Caterina Del Vivo, da tempo studiosa di questa famiglia, danno inizio a questa pubblicazione dedicata ai vari istituti scolastici apertisi in Italia nel XIX° secolo in molte Comunità ebraiche.
Partendo dall’Istituto Ravà di Venezia, dove negli anni ’50 hanno studiato i giovani Costante e Alberto, con l’ausilio di quanto è stato pubblicato nel periodico “L’Educatore Israelita”, Lionella Neppi Modona ci dà un quadro di tutta la situazione italiana soffermandosi infine sulla “Scuola di Arti e Mestieri” della Comunità ebraica fiorentina.
Nell’ultima parte le lettere inviate alla famiglia dal fiorentino Leone Ambron, nipote di Costante e laureando in ingegneria a Torino, ci mostrano l’enorme cambiamento sociale avvenuto anche in ambito studentesco nel mondo ebraico italiano in poco più di mezzo secolo.

Questa pubblicazione è stata resa possibile grazie al contributo
della Fondazione Ambron e Castiglioni


 

 






Lionella Viterbo Neppi Modona è nata nel 1931 a Firenze dove si è laureata in Scienze matematiche svolgendo quindi attività di insegnante ed in particolare impegnandosi come preside nelle prime esperienze di scuole a tempo pieno. Questo non le ha impedito di prendere attiva parte nella vita della Comunità ebraica locale e di studiarne la sua storia pubblicando varie ricerche nel suo primo libro Spigolando nell’archivio della Comunità ebraica di Firenze, edito da Giuntina cui sono seguiti due volumi dedicati allo studio del censimento del 1841, quello su Firenze pubblicato da Edizioni di Storia e letteratura nel 2010 e il successivo, dedicato alle Comunità di Siena e Pitigliano, edito da Belforte. Quindi ha curato la pubblicazione del libro Barbari nel secolo XX scritto da suo fratello decenne pubblicato da Aska. Continuando a lavorare sulle carte di famiglia, con lo stesso editore, ha pubblicato altri tre libri: Di amare e di essere amata non osavo sperarlo, Cronaca a due voci e Firenze Ebraica - itinerario illustrato, scritto nel 2019, insieme a Giovanna Bossi e Pia Ranzato.

 

 

 

 

 

 


Caterina Del Vivo, laureata in Letteratura moderna e contemporanea e diplomata alla Scuola di perfezionamento in archivistica presso l’Archivio di Stato di Firenze, è stata Responsabile dell’Archivio Contemporaneo del Gabinetto Vieusseux e dell’Archivio Storico dello stesso Istituto. Presiede dal 2009 la Sezione Toscana dell’Associazione nazionale archivisti (ANAI). Ha pubblicato inventari, monografie, edizioni di testi e oltre ottanta articoli scientifici, dedicati principalmente a biografie di donne vissute nell’Ottocento e primo Novecento e alla storia dell’ebraismo in Toscana. Fra i personaggi studiati la scrittrice Laura Cantoni Orvieto e la giornalista Helen Zimmern. Ha edito e commentato memorie infantili, diari e corrispondenza di vari esponenti del mondo ebraico, fra i quali, con Lionella Neppi Modona Viterbo, il diario di Leo Neppi Modona, Barbari del secolo XX. Cronaca familiare, settembre 1938-febbraio 1943 (Firenze 2010).