Decorazioni fantastiche nelle architetture dellArt Nouveau e del Modernismo

Anno/Year 2010
78 pagine/pages
142 illustrazioni/illustrations.
15x21 cm.
ISBN 9788897080046
€12.00



Condividi la scheda di questo libro







Altre pubblicazioni di Matteo Cosimo Cresti
Divagazioni intorno al tema carne
L’architettura nel cinema di fantascienza
Architettura e decorazione nella Toscana del Novecento
FIRENZE Le chiese e gli oratňri scomparsi

Matteo Cosimo Cresti

Decorazioni fantastiche nelle architetture dell’Art Nouveau e del Modernismo

 

Il linguaggio figurativo dell’Art Nouveau e del Modernismo è ben lungi dall’essere solamente espressione di quel raffinato gusto borghese, illanguidito da tralci floreali e sensuose figure femminili, cui è fin troppo spesso associato. Le primissime opere appartenenti a questa corrente e le sue manifestazioni architettoniche più significative sono invece arricchite da un serraglio fantasioso, un universo caotico e pulsante di vita proteiforme che si invera in un repertorio ornamentale popolato da inquietanti presenze e da mostri fantastici. Antoni Gaudí, Hector Guimard, August Endell, Giovanni Michelazzi… tutti i migliori interpreti di questa feconda stagione artistica hanno realizzato affascinanti opere che immancabilmente testimoniano gli esiti di un estro creativo in cui mostri, draghi, polipi, maschere grottesche e creature mitologiche contribuiscono ad un’enfasi iconografica che evoca il senso del ludico e del fiabesco. Proprio in questa peculiarità sta forse uno dei caratteri più originali e suggestivi dell’Art Nouveau. 






 

Matteo Cosimo Cresti
Matteo Cosimo Cresti – Laureato in Architettura presso l’Università di Firenze, è Dottore di Ricerca in Composizione Architettonica; è attivo nell’ambito della progettazione dell’architettura, della museografia, dell’interior design.
E’ professore di ruolo di Storia dell’Arte e Disegno, ha insegnato nella Facoltà di Architettura dell’Università di Firenze e nell’Università Internazionale dell’Arte di Firenze.
Ha tenuto lezioni e conferenze in Italia e all’estero e curato l’allestimento di esposizioni temporanee. E’ autore di pubblicazioni riguardanti la storia dell’architettura e la cultura del progetto; ha collaborato con saggi e articoli alle riviste “La Nuova Città”, “Materia”, “Area”, “Architettura & Arte”.
Tra le sue pubblicazioni: Anatomia della Settecentesca Cappella Feroni nella chiesa della Santissima Annunziata a Firenze (1995), Gottfried Semper tra precetto e progetto (1995), La “Macchina lignea dell’Addolorata: esiti di devozionalità controriformistica ed echi di barocchismi nella Firenze del Settecento (1997), Considerazioni sul presente e sul futuro dei musei progettati da Carlo Scarpa (2005), Decorazioni fantastiche nelle architetture dell’Art Nouveau e del Modernismo (2010), L’architettura nel cinema di fantascienza (2010), Inserimenti scultorei e integrazioni cromatiche nell’architettura toscana dal basso medioevo al XX secolo (2014).