I giardini dei simposi etruschi

Anno/Year 2019
84 pagine/pages
25 illustrazioni/illustrations.
12x19 cm.
ISBN 978-88-3384-045-1
€10.00



Condividi la scheda di questo libro







Altre pubblicazioni di Maurizio Martinelli
Il giardino nel Mediterraneo antico
Giardino e sacro nell’Italia preromana
Le piante nell’Italia antica
Il giardino nell’antico Egitto e nel Vicino Oriente
Dai giardini dell’Etruria agli horti romani
Profumi, incensi e piante nel mondo antico
Architettura etrusca
Strumenti e musica nella cultura etrusca

Maurizio Martinelli

I giardini dei simposi etruschi

Se l’iconografia etrusca più antica relativa a personaggi intenti a banchettare ci offre delle rappresentazioni di individui che mangiano da soli, seduti su uno sgabello o su un trono posto dinanzi ad un basso tavolo di piccole proporzioni, è dalla fine del periodo orientalizzante, nell’ultimo venticinquennio del VII sec. a.C., che viene introdotto il banchetto da semisdraiati. Questa moda nata nel Vicino Oriente, dove era nota come marzeah, giunge in Etruria attraverso la Grecia e va a costituire uno status symbol di successo nelle classi elevate, come dimostrano le moltissime immagini di questo momento conviviale nell’iconografia nell’intero arco cronologico della cultura etrusca. È la grande pittura parietale delle tombe che ci informa di come i banchetti ed i simposi, oltre che negli spazi domestici, si svolgessero anche in spazi aperti, dove la vegetazione forma una quinta scenica a documentare la nascita di veri e propri giardini del simposio.

 






Maurizio Martinelli, laureato in Etruscologia all’Università di Firenze, ha preso parte a scavi archeologici organizzati da Università e Musei, partecipando a vari convegni nazionali ed internazionali di tema storico e archeologico. Responsabile della Posizione Musei, promozione e valorizzazione del sistema museale regionale della Regione Toscana, è socio dell’Istituto Italiano di Preistoria e Protostoria, della Società Italiana di Antropologia ed Etnologia, ed ha aderito in passato alla European Archaeologists Association. Corrispondente della rivista di architettura “Arkos – Scienza e restauro” e collaboratore della rivista “L’Universo” dell’Istituto Geografico Militare, ha scritto numerose decine di testi tra volumi monografici, contributi in opere collettive ed articoli, sul tema dei beni culturali e, in particolare, archeologici; tra i suoi libri “Gli Etruschi - magia e religione”(1992), “La lancia, la spada, il cavallo – Il fenomeno guerra nell’Etruria e nell’Italia centrale tra età del bronzo ed età del ferro” (2004), “Luoghi etruschi” (2006), “Spettacolo e Sport in Etruria. Musica, danza, agonismo e rappresentazioni tra Italia e Mediterraneo” (2007), “Religione e riti in Etruria” (2017), “Cultura del cibo tra Etruria e Mediterraneo” (2019). Per i tipi di Pontecorboli ha pubblicato “Il giardino nel Mediterraneo antico. Egitto, Vicino Oriente e mondo ellenico” (2012), “Giardino e sacro nell’Italia preromana. Vegetazione, paesaggio tra cultura e religione” (2015), “Le piante nell’Italia antica. La selezione dalla preistoria agli Etruschi e le piante legate agli dèi ed alle offerte sacre” (2016), “Dai giardini dell’Etruria agli horti romani. La nascita del giardino nell’Italia antica” (2016), “Il giardino nell’antico Egitto e nel Vicino Oriente” (2016), “Profumi, incensi e piante nel mondo antico” (2016), “Architettura etrusca. Esempi e ricostruzioni” (2017), “Strumenti e musica nella cultura etrusca” (2019).