Lumanit a tavola

Anno/Year 2004
144 pagine/pages
10 illustrazioni/illustrations.
17x24 cm.
ISBN 978 88 88461 35 3
€13.00



Condividi la scheda di questo libro







Altre pubblicazioni di Vinicio Serino
Il Mediterraneo
Le sette sataniche fra mito e realtà
Le pandemie
Antropologia delle forme simboliche
Condizione umana e origine della socialità
Natura, femminino e antiche culture mediterranee
Breve storia antropologica sulle origini della medicina
I sette peccati capitali
Jung e l’archetipo della Grande Madre
Cupole nel tempo e nello spazio

Vinicio Serino

L’umanità a tavola
Visioni del mondo e culture alimentari, elementi per una storia sociale del cibo

Da che mondo è mondo il cibo ha sempre occupato un ruolo centrale nella vicenda dell’uomo. La sua ricerca, la sua conservazione, il suo uso hanno, nel corso di lunghi millenni, imposto culture; concorso alla formazione di istituzioni religiose, politiche, sociali.
Ricorrendo alla teoresi marxiana si potrebbe dire che il cibo, l’ansia di cibo che l’umanità avverte e che ha sempre avvertito, ha rappresentato e rappresenta una potentissima molla della storia, dalle remote origini alla moderna civiltà delle macchine.






Vinicio Serino, antropologo, insegna presso l’U­niversità degli Studi di Siena e presso la Scuola di Psicoterapia E. Fromm di Prato (Scuola rico­nosciuta dal MIUR). Ha tenuto short courses di antropologia presso l’Accademia di Belle Arti di Roma. è nell’Editorial Board del Journal of Biological Research e membro del comitato scientifico della rivista Domes and Cupolas. è componente del Comitato tecnico-scientifico del Polo Universitario Grossetano.
È autore di oltre ottanta pubblicazioni socio-an­tropologiche tra le quali Antropologia delle forme simboliche, Siena segreta-Ricerche antropologiche intorno ad antiche culture, L’umanità a tavola-Visioni del mondo e culture alimentari, Breve storia antropologica sulle origini della medicina. Mali antichi e antichi rimedi, Natura, femminino e antiche culture mediterranee, Le pandemie-Evoluzione storico-antropologica: dalla peste di Atene alla spagnola”.
Conduce ricerche intorno al rapporto Uomo, corpo, salute; alle diverse funzioni cognitive, e segnatamente all’intuizione come acquisizione di conoscenza che prescinde dal ragionamento logico-argomentativo; ai meccanismi, culturali e neuro-biologici, che presiedono ai processi di formazione simbolica.