Cupole nel tempo e nello spazio

Anno/Year 2019
80 pagine/pages
36 illustrazioni/illustrations.
12x19 cm.
ISBN 978-88-3384-019-2
€9.00



Condividi la scheda di questo libro







Altre pubblicazioni di Vinicio Serino
L’umanità a tavola
Il Mediterraneo
Le sette sataniche fra mito e realtà
Le pandemie
Antropologia delle forme simboliche
Condizione umana e origine della socialità
Natura, femminino e antiche culture mediterranee
Breve storia antropologica sulle origini della medicina
I sette peccati capitali
Jung e l’archetipo della Grande Madre

Vinicio Serino

Cupole nel tempo e nello spazio
Un percorso antropologico tra simboli e architetture

 Questo libro è un viaggio antropologico condotto attraverso una delle forme che più hanno ispirato – e coinvolto – gli architetti di tutte le latitudini e di tutti i tempi, la cupola. Un viaggio che si avvale dei contributi offerti dai numerosi studiosi, giunti da ogni angolo del mondo che, nel marzo del 2012, parteciparono al convegno Domes in the world, analizzando i tanti significati di questa forma perfetta in un’ottica di identità culturale, di significati simbolici, di tecnologia e di arte. Ed osservando scrupolosamente il mai tramontato insegnamento impartito da Marco Vitruvio Pollione che, appunto, raccomandava, nella realizzazione di ogni edificio, di osservare gli aurei principi della firmitas, della utilitas e della venustas. E stabilità, utilità e bellezza si ritrovano in queste forme perenni che, appunto, sono le cupole, dove scienza, arte e cultura si compenetrano armoniosamente, imprigionando nella pietra l’Anima del mondo.
La cupola, forma sferica perfetta, rappresenta, simbolicamente il cielo, unito alla terra dalle colonne, sostegno, ma anche collegamento tra due dimensioni altrimenti divise, quella terrestre e quella celeste ... Come dice Titus Burckhardt si compone, in questo modo, un autentico “centro spirituale del mondo”, capace di irradiare le proprie forze sottili, potenti e sublimi, agendo sapientemente sulle menti ed i cuori degli uomini. La cupola dunque come simbolo ancestrale, archetipico, che rimanda, attraverso la propria forma, all’idea del ventre materno, dentro il quale si è manifestata una vita che, fino a quando non vedrà la luce, da quel ventre sarà nutrita ed amata …

 






Vinicio Serino, antropologo, insegna presso l’U­niversità degli Studi di Siena e presso la Scuola di Psicoterapia E. Fromm di Prato (Scuola rico­nosciuta dal MIUR). Ha tenuto short courses di antropologia presso l’Accademia di Belle Arti di Roma. è nell’Editorial Board del Journal of Biological Research e membro del comitato scientifico della rivista Domes and Cupolas. è componente del Comitato tecnico-scientifico del Polo Universitario Grossetano.
È autore di oltre ottanta pubblicazioni socio-an­tropologiche tra le quali Antropologia delle forme simboliche, Siena segreta-Ricerche antropologiche intorno ad antiche culture, L’umanità a tavola-Visioni del mondo e culture alimentari, Breve storia antropologica sulle origini della medicina. Mali antichi e antichi rimedi, Natura, femminino e antiche culture mediterranee, Le pandemie-Evoluzione storico-antropologica: dalla peste di Atene alla spagnola”.
Conduce ricerche intorno al rapporto Uomo, corpo, salute; alle diverse funzioni cognitive, e segnatamente all’intuizione come acquisizione di conoscenza che prescinde dal ragionamento logico-argomentativo; ai meccanismi, culturali e neuro-biologici, che presiedono ai processi di formazione simbolica.